Non diamo sempre la colpa al Covid 19.

Scritto il 3/ 23/ 2021

Forse è arrivato il momento di fare comin gout, anche se non ha che fare con orientamenti sessuali e di generi, mi fa vergognare e non poco. Perché lucidamente, io penso a tutti quelli che in realtà stanno peggio di me, a quelli che han perso il lavoro, quelli che non possono mettere cibo in tavola. Mi vergogno perché non amo sentirmi vittima. Non amo essere in una situazione di fragilità e non amo essere compatita, odio quando mi guardano con occhi lucidi. Elogiando la mia forza interiore e carattere. Non amo lamentarmi, perché detesto quando la gente si lamenta senza un motivo serio, soprattutto quando non capisco i loro punti di vista.

Come si può dire a voce alta di subire mobbing nel tuo posto di lavoro, come? Anche in questo momento dove scrivo un articolo al riguardo, io provo vergogna e imbarazzo. In questi due anni la mia psiche è logorata dal disprezzo e dai feedback negativi ricevuti da parte di alcuni membri della mia equipe. Ahimè, la parte più influente. Dopo 17 anni sono diventata troppo lenta, approssimativa, sto sempre con il telefono in mano. Devo in tre ore lavorative: cucinare per un massimo di 100 persone. Riordinare la cucina, lavare le pentole, spazzare e lavare il pavimento. Controllare le scadenze, che siano segnate le date di apertura dei prodotti. Dopo 17 anni di lavoro sono stata richiamata e cazziata come se fossi una fancazzista ruba stipendio, con minacce sottili e velate, perché solo quelle potevano fare. Mi dicono che non devo farmi schiacciare, è che le cose miglioreranno. Nel frattempo ogni mattina mi reco a lavoro sperando che la mattinata passi alla svelta, senza rotture di scatole.

Visualizzazioni: 0

Pubblicato da lastronzaomofoba

Diario Autobiografico, tra il ridicolo e il paradosso “LaStronzaOmofoba” racconta la sua vita. Tra attacchi di ira, sconforto e qualche bella notizia. L’utilizzo di questo Blog come se fosse un vero e proprio diario. Sperando di far sorridere, riflettere e emozionarvi. PS: Chiedo scusa per le parolacce, ma chi, in fin dei conti non scrive qualche parolaccia nel proprio diario?!