Queste Pazze Ferie Settembrine

 

Ciao Bloggi sono qui tra l’annoiato e il triste andante che ti aggiorno. Finalmente sono in ferie, agogniate ferie, niente… Mi sto annoiando, sono al terzo giorno delle medesime, e sono pronta per rotolarmi in autostrada tipo Mai dire Banzai edizione spericolata.

Lunedì vagavo per casa in stile anima in pena tra lettura in stile okay quando finisci che mi hai scocciato? Audiolibro con voce di tipa: okay mi hai annoiato a morte vado a fare la cacca! Non so, non ho più la genuinità nel godere nei giorni di pausa. Colpa dell’età.

Ricordo le mie tre settimane di ferie quando vivevo nelle valli, ma li avevo il mio braccio destro e compagno di marachelle. Il Signor Pino, organizzavamo le nostre vacanze in sincrono rigorosamente chianelle(temine per identificare ciabatte estive) di legno, pantaloncini e canotte in coordinato, Io automunita, lui quello con la misoginia incorporata, ricordo di averlo lasciato un paio di volte in mezzo al nulla. Ma solo per poco, ancora non s’era attivato il gene del crimine, quello si sarebbe svegliato durante la Summer Asyia: non chiedete!

Noi eravamo la gente della villeggiatura, le nostre estati in mezzo alla natura sui trulli, strutture in pietra dove la popolazione autoctona conservava gli attrezzi agricoli, mentre ora i vip si fanno le vacanze estive. ORRORE. no bugia ad avercelo un trullo di sti tempi.

Naturalmente la mia mente corre all’indietro anche perchè in questa citta di orribili persone, anche, l’idea di andare a fare una passeggiata in riva al mare, è una gara contro il tempo e alle sgrezzature. Già! Perchè la popolazione locare, oltre a essere brutta fuori, è brutta dento, con una leggera fragranza di: Noi Tamarri Di Oggi Noi. Un po’ come la canzone di Luis Miguel. se non ricordo male si chiama così.

Oggi ero talmente annoiata che ho strappato tre germogli di piantine per travasarli, e io non ho il pollice verde è un sequestro con mote certa di piantine spontanee. Prossimamente i vedrete ruotare su me stessa con uno scettro in mano come una moderna Sailor, si, Brigliadori dal potere dei cristalli di anfetamine. Qualcuno venga a rapirmi!

sono talmente annoiata che anche la malinconia mi ha guardato schifata e mi ha detto: senti cocca, ci rivediamo tra quindici giorni, che così mi fai pena. quindi ho sollecitato un’amica di vecchia data, nel senso che siamo tre vecchie zitelle per organizzare una cena. Vabbè è più un concilio di vecchie befane, io io sempre quella dagli alti standard, sono una figa della madonna, nel senso che faccio smadonnare, o smadonno io a mia volta.

Mentre compravo le lenticchie rosse, per fare preparare delle padine vegan, ricetta datami da un antico saggio puntacazzistra. H ho realizzato che in realtà non voglio andare a cena a casa di una che sembra che cucini per gli scout in campeggio. Almeno quelli hanno alberi e natura, io altre due simpatiche zitelle.

Odio mangiare poco e male, come dico sempre il cibo è il mio big cock, quindi c’è il rischio che il mio ego da dittatore dica alla casalinga anni cinquanta che alberga in me, di preparare tuto prima e servire a tavola. E mentre lo sto scrivendo ho realizzato che è quello che farò. Dio mio faccio tanto per essere una persona migliore ma la mercenaria che in me sta studiando un menù last minute. quindi molto probabilmente sto per lasciarti mio dolce raccoglitore di tutti i miei disagi, compresi quelli sessuali e vado a manipolare gli eventi.

E mentre ti scrivo mi rendo conto di essere emotivamente triste, ma geniale e dalla comicità irriverente. Ti voglio bene Cristina ma non dirlo ad Asyia.

Passo e chiudo alla prossima Inculata, METAFORICAMENTE parlando. non si tocca pegno da un decennio.

Visualizzazioni: 3

Pubblicato da lastronzaomofoba

Diario Autobiografico, tra il ridicolo e il paradosso “LaStronzaOmofoba” racconta la sua vita. Tra attacchi di ira, sconforto e qualche bella notizia. L’utilizzo di questo Blog come se fosse un vero e proprio diario. Sperando di far sorridere, riflettere e emozionarvi. PS: Chiedo scusa per le parolacce, ma chi, in fin dei conti non scrive qualche parolaccia nel proprio diario?!